Ovunque nel mondo le donne sono vittime di discriminazioni, ineguaglianze, violenza e povertà.

Nonostante l’esistenza di specifiche legislazioni a riguardo, la realtà è che le donne faticano ad accedere anche ai più elementari diritti. 

Uno dei problemi principali è sicuramente quello dell’accesso al mondo del lavoro causato da mancanza di formazione, obblighi domestici di cura della casa e dei figli e oppressione maschile.

L’Europa, inoltre, si trova a fronteggiare negli ultimi anni la questione dei migranti, molti dei quali sono proprio donne.

Mom&Woman Onlus, da sempre impegnata su questi temi a livello nazionale e internazionale, è lieta di annunciare di aver vinto il bando europeo KA1 Mobilità per Operatori, nell’ambito del Programma Erasmus Plus, con il Progetto WHO.

Il progetto, che ha come unico referente per l’Italia proprio Mom&Woman Onlus, prevede la partecipazione dei seguenti Partner:

-       Municipalità di Sinop (Turchia)

-       Ong EPEKA (Slovenia)

-       Associazione di donne imprenditrici Selena (Bulgaria)

-       Associazione Salud y Familia (Spagna)

-       Activ Youth (Malta)

-       Associazione giovanile ProAtlantico (Portogallo)

-       Hellenic Youth Participation (Grecia)  

-       Associazione giovanile DRONI (Georgia)

Con WHO si vuole sviluppare la tematica dell’imprenditoria femminile attraverso forme di apprendimento informale e lanciare un corso di formazione diretto ad esperte di tematiche di genere e leader europee che lavorano per migliorare la vita di donne svantaggiate e/o migranti. L’obiettivo di WHO è quello di formare gli operatori affinché possano trasferire nei target svantaggiati competenze di imprenditoria sociale e di partecipazione attiva. 

Gli obiettivi specifici del progetto sono:

-       Incoraggiare e sostenere le iniziative imprenditoriali delle donne attraverso lo sviluppo del loro capitale umano.

-       Promuovere e sviluppare l’uguaglianza di genere nel mercato del lavoro.

-       Aumentare la consapevolezza delle problematiche relative alle donne in situazioni di svantaggio socio-economico.

-       Rafforzare le iniziative individuali e collettive e il sostegno nei confronti delle donne migranti.

-       Promuovere la cooperazione tra paesi riguardo le questioni di genere.

-       Sviluppare progetti pilota diretti a risolvere le problematiche delle zone rurali attraverso progetti e iniziative imprenditoriali. 

Share it now!